“Camminando si risolve”

Diogene, il filosofo, diceva: “solvitur ambulando” ed ora che un altro inverno con il suo freddo gelido è in procinto di calare sul mio animo, ho deciso di camminare sempre più velocemente.

Perchè … “camminando si risolve”.

Alla vigilia di Natale ho stretto forte la maniglia di un trolley con la mano destra e sono andata. Per risolvere, come consiglia Diogene, perchè se perseveri nell’onestà e nella trasparenza un raggio di sole se lo cerchi lo trovi e più vieni messa a dura prova e più ti rafforzi. Ho avvisato gli amici più cari, i familiari ed ho scritto un articolo nel blog dell’allegra brigata con la quale da un po’ di tempo collaboro.

Poi sono schizzata verso il mare che a farsene scivolare una manciata tra le dita pare di giocare con zaffiri e smeraldi. Verso il mare dove l’estate è ormai un ricordo, l’estate i temporali se la sono portata via con il cielo terso e il mare calmo, il caldo sembra una sensazione d’altro mondo, eppure torneranno, tornerà di nuovo l’estate.

In quel posto di mare, laggiù, ho camminato con le persone di sempre, accomunate dallo stesso destino e in grado di stabilire solidarietà ed empatia profondamente radicate in un’anima che non si è mai arresa ad una semplice sopravvivenza.

Con persone che mi hanno conosciuta bambina e poi donna ho aspettato quest’anno il Natale, camminando sulla spiaggia, aspettando tutto il giorno che arrivasse Gesù. 

Ed ho visto tirare le reti, come in un giorno di pesca qualunque.

Un qualunque giorno di mare.

20140101_125326

Annunci

52 thoughts on ““Camminando si risolve”

  1. Brava. E molto bello anche l’articolo che hai scritto sull’altro blog. Ma è un tuo secondo blog?
    e come si fa a leggere altri scritti se ce ne sono? Mi piace molto come scrivi Affy.
    Buona domenica

    Mi piace

  2. All’inizio non capivo, ma tu mi fai spesso questo effetto.
    Era una fuga da un presente stantio o un’esplorazione di nuovi orizzonti?
    Poi ti ho sentita respirare la salsedine e riempirti gli occhi del colore del mare d’inverno e ho capito che eri semplicemente “tornata a casa” per un po’.
    Mentre io sfornavo dolci e arrosti, ideavo antipasti scenografici, festeggiavo Natale in due tranche, tu andavi a ricongiungerti con le tue radici Siciliane, vero Affy?

    Mi piace

  3. Bellissimo post cara Affy. Ti siamo grati per il dono che ci fai di condividere i tuoi pensieri, le tue emozioni, le tue sensazioni, è come se dicessi “a voi posso aprire il mio cuore, di voi mi fido” ed è un grande onore e gioia per me sentirmi così parte, seppur piccola, del tuo mondo. Condivido il tuo modo di pensare e reagire: sì continua a camminare, a perseverare nella trasparenza e troverai presto il tuo raggio di sole. Ammiro le persone che non si arrendono alla semplice sopravvivenza. Ti auguro una gioiosa domenica. Un grande caldo abbraccio cara amica. 🙂

    Mi piace

    • Sei sempre gentile cara Laura, scusami per la mia prolungata assenza ma ora si riprende alla grande. Finiamo l’anno “col botto” eheheheh 😉
      Condividere con te le mie emozioni mi fa un piacere immenso perchè mi sembra di essere sintonizzata sulla stessa lunghezza d’onda.
      un abbraccio grande
      Affy

      Mi piace

  4. P.S. Bellissimo anche l’altro post, che atmosfera incantevole che hai saputo descrivere e farci “vedere”, meglio che su una foto, perché ci hai fatto sentire anche i profumi, le sensazioni del vento e .. il battere del tuo cuore. Sei super!

    Mi piace

  5. Con l’eco delle tue parole in testa, m’intrufolo nell’immagine, fra quelle reti che sembrano merletti annodati, nodi tesi a farsi dal vento asciugare, inzuppate di quel mare che sa di casa, per te. Affacciata a questa tua finestra ho goduto il panorama delle tue emozioni e ne son rimasta affascinata. Che bella scoperta sei, Affy

    Mi piace

    • Quante belle cose trovo scritte da parte Tua e che piacere mi fanno 🙂
      Sei stata una bella scoperta anche Tu, per me. La rete permette conoscenze e condivisioni che mai avrei immaginato. Concludo l’anno con la gioia di aver incontrato persone come te, capaci di emozionare e di emozionarsi.
      un abbraccio, grazie per il commento 😉

      Mi piace

  6. Grande QUALITA’ riconosco nei tuoi articoli dove treno e mare vanno di pari passo, mi colpisce la profondità delle parole che affiora con leggerezza, complimenti cara Affy.
    Grazie per avermi regalato una nuova pagina di emozioni.
    un bacio

    Mi piace

  7. Ah, sì! Io sono dell’idea che se si vuole e si può risdolvere… lo si può fare ovunque, anche senza allontanarsi troppo 😉 ma… finché si può, è bello mantenere il più possibile i contatti con il presente e anche con il passato… perché completamente passato non sia mai 🙂

    http://www.wolfghost.com

    Mi piace

    • Il passato resta lì, sempre ad un passo da noi. Non ho mai dimenticato nulla di ciò che è stato e mai vorrò separarmene. Con il mio passato ho fatto i conti ed alla fine mi sono assolta. Oggi c’è un presente da vivere, risolvendo questioni e districando nodi. A volte camminando lentamente, a volte a passo spedito.
      Grazie Wolfghost e auguri di buon anno. 🙂

      Mi piace

  8. Sono contenta che tu abbia trascorso il Natale in un posto in cui sei stata felice da bambina!
    Quella foto e quelle reti mi hanno riportato indietro a quando avevo 10 anni e passavo le vacanze dalla nonna a Catania, nel quartiere erano quasi tutti pescatori ed io vedevo questi uomini grandi e grossi che ricucivano le reti dopo essere tornati dal mare.
    Un periodo così bello e sereno credo di non averlo più avuto.
    Un bacio Affy,Ti auguro di trascorrere felicemente l’entrata del nuovo anno.
    Buon Anno con un abbraccio forte forte♥
    liù

    Mi piace

    • Amo tanto il mare Stefano. E poi, sai, mi piace tantissimo anche d’inverno quando cambia colore ed è tutto in movimento.
      Tu … come va? 😉
      ti auguro un Anno pieno di serenità, di riconciliazione … un saluto passo a fartelo poi nella tua casetta.
      un abbraccio 😉

      Mi piace

  9. “Solvitur ambulando”
    dice Diogene,

    “Dal balcone ammiravo il vuoto che ogni tanto un passante riempiva”
    dice Battiato,

    Attraversare significa riempire e allo stesso tempo imparare a fare vuoto dentro, ascoltandosi, amandosi e abbandonandosi di continuo.

    Potrebbe essere un buon augurio per il 2014: ricominciare sempre e trasformarsi.

    Mi piace

    • Ciao, benvenuta 😉
      Sai … ho imparato da tempo a far vuoto, spazio dentro me proprio per permettere alle persone che si avvicinano di colmarmi con la loro presenza, arricchendomi e facendo di me una persona migliore.
      Auguri anche a Te per un nuovo Anno di gioia 😉

      Mi piace

        • ‘nnaggia, io non ho conosciuto i tempi di splinder e credo di essermi persa un bel tempo!
          Sono da poco in rete, cinque mesi e questo è il mio unico primo blog … per parlare tra di noi usiamo i commenti tra i vari post, non credo esista una chat. Alcuni di noi sono in contatto attraverso skipe oppure per e-mail. 😉
          ti abbraccio e auguri per un sereno 2014 😉

          Mi piace

Il tuo commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...