Un abbraccio improvviso

Il rapido delle cinque accellerando esce dalla galleria in tempo per vedere le ultime stelle inghiottite dall’alba.

Nello scompartimento del treno la gente se ne sta ammutolita dentro i propri pensieri, petali smorti in una domenica mattina. Il finestrino bloccato m’impedisce di respirare un pò d’aria nuova e allora respiro il profumo di cipria dentro la sciarpa di cotone arrotolata sul collo.

C’è un tizio seduto sulla poltrona di fronte che sembra una bestia scaraventata a riva dopo una mareggiata, ha lo sguardo rassegnato, immoto da emozioni, non alza mai la testa e a me sembra guardandolo di violare un suo disagio.

Dopo qualche minuto il treno rallenta fino a fermarsi a una stazione e ci troviamo tutti e due sconosciuti complici a guardare fuori dal finestrino con lo stesso sguardo versato nel vuoto. Le abitazioni sorgono oltre i pilastri in una griglia di luci ed ombre, vicoli dentro i vicoli, e poi di nuovo noi due che improvvisamente osserviamo dentro lo stesso pezzo di cielo nuvole calcinose fluttuare come meduse.

E proprio dentro quel cielo un gabbiano volteggia e fa di colpo quello che non m’aspetto. Alza un’ala e resta così nel vuoto in volo regalando un abbraccio ad uno chiunque sospeso nel mondo.

Negli occhi del tizio vedo una pagliuzza d’oro sotterrare la silenziosa rassegnazione lasciando venire a galla un’emozione mista a stupore. Seguiamo il volo di quell’uccello che si lascia fotografare e a me piace immaginare che quell’abbraccio sia proprio per lui.

Mi piace pensare che il tempo lavori anche in questo modo perchè la vita talvolta premia. Il treno ha ripreso la sua corsa, l’alba ha lasciato il posto all’aurora. 

La gente in questo scompartimento non si è accorta di niente. 20140502_182627

Annunci

77 thoughts on “Un abbraccio improvviso

  1. Bellissima la descrizione che fai e bellissimo il gabbiano!
    Spero che l’abbraccio fosse sia per l’uomo nel treno sia anche per te ,che un abbraccio non fa mai male.
    Adesso invece sono io ad abbracciarti forte ❤
    liù

    Liked by 1 persona

  2. Cara Affy, forse il bello di tutto quello che hai raccontato è che alcune volte la gente davvero non si accorga di niente, cosi che certe cose ai nostri occhi restino uniche come l’emozione che ci hanno regalato.
    Ho un debole per le stazioni e per i treni e non sono una viaggiatrice, forse questa passione me la porto appresso da un’altra vita, adoro osservare la vita scorrere attraverso il finestrino del treno, è una vita che sfugge veloce eppure l’occhio attento riesce a cogliere i particolari, come una pellicola che corre avanti veloce e a te pare di conoscerne la trama e magari il film non l’hai mai visto. Anche io ci credo che il tempo lavori per noi…e che, prima o poi, ci sappia sorprendere; non importa con cosa, ma che sappia disotterrare la speranza anche a chi l’aveva sepolta in profondità, ci credo che in un momento di un tempo a noi sconosciuto ci ritroveremo tutti abbracciati da un volo, all’alba di un giorno qualsiasi.
    Un abbraccio virtuale, ma non stanziale, a te che sei in viaggio con me sullo stesso treno, solo qualche vagone più in là 🙂

    Liked by 1 persona

    • Come potrei io “afinebinario” non avere il tuo stesso debole per i treni e le stazioni? 🙂
      C’è un pezzo di umanità che si srotola a bordo di quelle carrozze, su quei binari dove ininterrottamente sferragliano treni, ci sono storie che ho visto nascere, che ho cullato e infine condiviso.
      Siamo a bordo dello stesso treno cara Laura e non è stato difficile per noi riconoscerci. 😉
      Il viaggio continua come continua il nostro lungo abbraccio, grazie Laura!

      Liked by 1 persona

  3. Bellissima la tua descrizione. Ci hai portati tutti lì in quel vagone ed ammutoliti abbiamo osservato con te i vicoli ed abbiamo quasi sentito il battito di ali del gabbiano. Hai sempre il potere di descrivere con magia una scena di vita quotidiana che senza il tuo post sarebbe rimasta inosservata. Ciaoo e buona serata Bea

    Liked by 1 persona

    • Bea tu mi commuovi, è troppo! 😀
      Sono contenta però di avervi fatto viaggiare con me, di avervi fatto vedere uno spaccato di vita che i miei occhi hanno semplicemente conosciuto prima.
      Buona serata anche a te, un bacione ♥

      Liked by 1 persona

  4. È una gioia leggere le tue pagine! ❤
    La capacità di emozionarsi di fronte alla vita in tutte le sue manifestazioni non è di tutti. Infatti gli altri, sul treno, non si sono resi conto di nulla.
    Il messaggio del gabbiano? Estendiamo l'abitudine all'abbraccio! A proposito, uno grande grande a te Affy.
    Primula

    Liked by 1 persona

  5. Cara Affy, ho avuto una giornataccia, una delle mie tante da cancellare dal calendario… ero proprio giù quando sono passata da te ed ho trovato il tuo “abbraccio improvviso”: come è stato dolce seguirti sul tuo treno e guardare fuori dal finestrino insieme a te! Quel gabbiano che abbraccia qualunque povero essere umano gli passi vicino mi ha davvero scaldato il cuore e l’abbraccio l’ho sentito anch’io, anche perché è passato attraverso il tuo grande cuore. Un abbraccione immenso pieno di gratitudine cara amica. Dolce notte. :-* ❤

    Liked by 1 persona

    • Giornataccia storta che per fortuna prima o poi finisce come tutte le altre cose. Il morale si è fermato al piano sbagliato ma per fortuna l’ascensore sale e scende e ci sono altri piani, altre situazioni, altri incontri 🙂 Sulle scale hai incontrato me ed un abbraccio.
      Certi cuori si riconoscono Aurore, quando si ritrovano battono all’unisono. Come i nostri.
      Ti abbraccio stretta stretta e sai che ci sono, sempre! 😉

      Liked by 1 persona

  6. Prima di andare a letto non potevo che lasciarmi per ultimo, dolcemente in fondo, il tuo post!
    Io come molti degli altri passeggeri probabilmente non avrei visto il volo del gabbiano e mi sarei perso quell’emozione, di solito dormo durante quei viaggi! Pero’ credo che se fossi stato nella tua stessa situazione non l’avrei perso, credo che quei messaggi, quelle situazioni accadono al momento giusto! E tu, persona sensibile, li c’eri!

    Un grosso abbraccio alla mia viaggiatrice preferita

    Liked by 1 persona

    • Onorata! 😉
      Essere nel momento giusto al posto giusto è anche fortuna, io penso di esserlo stata. Ho beneficiato di un attimo irripetibile che ha regalato incredulità e un lampo di gioia a chi era ripiegato su se stesso.
      Per tutto questo io credo davvero che anche un abbraccio virtuale possa fare la differenza.
      Per questo virtualmente ti abbraccio davvero 😀

      Liked by 1 persona

  7. Nei miei pochi e brevi viaggi in treno vicino hai finestrini non facevo che guardare e scrivere poesie sugli emigranti costretti a lasciare le nostre terre i nostri uliveti ,il treno a sempre avuto su di me un fascino particolare,resterei attaccata al finestrino per ore .. come faccio spesso sull’aereo.L’altro ieri passai dal porto e scattai tante foto a barche e gabbiani.Bellissimo come sempre il tuo racconto sensibile ad ogni cosa che ti circonda ,grazie cara Affy sei sempre cara al mio cuore. Felice sera.Caterina

    Liked by 1 persona

  8. Affy cara, sai che sei riuscita ad emozionare anche me? Sai proprio tenere la penna in mano, sapresti far parlare anche un albero, una foglia, un soprammobile! Inoltre le emozioni che fai vivere con questa foto sono veramente stupende, fanno capire che ognuno di noi ha qualcuno che lo protegge, soprattutto nei momenti di sconforto e di debolezza!

    Liked by 1 persona

    • C’è per tutti Roberta qualcosa di buono che magari, presi dalla quotidianità, non riusciamo a vedere. La vita ci riserva grandi sorprese ed è sempre pronta a stupirci. A volte basta il volo di un gabbiano per farci vedere più in là, per spingerci oltre il banale.
      Ti abbraccio forte forte ❤

      Mi piace

  9. L’aspetto migliore del post secondo me è che ci si ritrova immersi nell’atmosfera dei treni di primo mattino, si avverte quell’aria tutta particolare che esala dalla sonnolenza, dalla noia, dal freddo. Un fondale grigio delineato superbamente sul quale scocca il fulmine bianco dell’ala del gabbiano. Molto bello.

    Liked by 1 persona

    • Grazie Giovanni, molto gentile 🙂
      L’atmosfera che si respira a bordo di un treno è proprio quella che descrivi, ho trovato anomalo l’atteggiamento del gabbiano e mi è piaciuto interpretarlo così, un abbraccio caduto dal cielo, all’improvviso, per uno sconosciuto 😉
      un abbraccio

      Liked by 1 persona

Il tuo commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...